Rumori molesti in condominio

Musica ad alto volume, elettrodomestici, lavori in casa, grida e schiamazzi, sono solo alcuni dei motivi che possono compromettere il quieto vivere quotidiano all’interno dei condomìni. Ma come ci si può difendere e tutelare dai rumori molesti? Tra le principali cause dei litigi condominiali una è quella inerente all’inquinamento acustico, ovvero tutti quei rumori più o meno molesti che causano stress e disturbano la quiete di uno o più condòmini. L’intensità di un suono viene misurata attraverso i decibel (dB), ed il fonometro è il mezzo per misurare l’isolamento acustico. Il DPCM 5 dicembre 1997 "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici” definisce le prestazioni che gli edifici devono possedere in merito all’isolamento dai rumori. Naturalmente sarebbe impossibile evitare qualsiasi tipo di rumore, ma si tratta di restare entro la soglia di tollerabilità. Durante il giorno, inteso dalle ore 6.00 alle ore 22.00, il rumore deve restare entro i 5 decibel, rispetto ai rumori di fondo che provengono dall’esterno dell’abitazione, mentre la sera, ovvero dalle [...] Leggi Tutto...