Sicurezza

Decreto del 10/03/2020: cosa cambia in materia di installazione degli impianti di climatizzazione?

In vigore dal 18 giugno 2020 le nuove norme per gli impianti di climatizzazione installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. Il 20 marzo 2020 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.73 (inserire questo link solo su “Gazzetta ufficiale n.73”: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2020/03/20/73/sg/pdf) il Decreto del Ministero dell’Interno del 10 marzo 2020 dal titolo “Disposizioni di prevenzione incendi per gli impianti di climatizzazione inseriti nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”. All’interno del Decreto vengono stabilite le disposizioni da applicare alla progettazione, alla costruzione, all’esercizio e alla manutenzione degli impianti di climatizzazione inseriti nelle attività, sia nuove che esistenti, soggette ai controlli di prevenzione incendi, quindi scuole, attività commerciali, uffici, alberghi, strutture sanitarie ed edifici nei quali si svolgono attività di spettacolo ed intrattenimento. Il DM del 10 marzo stabilisce, nello specifico, l’utilizzo di fluidi refrigeranti a minor impatto ambientale, classificati come A1 o A2L secondo la norma ISO 817 “Refrigerants – designations and safety n classification” o norma equivalente, e comunque a patto […]

Leggi Tutto...

CONDOMINIO: INFORTUNI IN ASCENSORE

All’interno dei condomini l’utilizzo di un ascensore, talvolta, può purtroppo rivelarsi insidioso. Nel caso di un incidente in ascensore, chi deve risarcire gli eventuali danni? Non è così rara l’ipotesi che all’interno dei condomini possano verificarsi infortuni in ascensore. Difatti si pensa spesso alle responsabilità del condominio in merito ad altre tipologie di problemi o danni, ma poco spesso si pensa alle conseguenze di un ascensore malfunzionante. A questo proposito è importante fare un po’ di chiarezza attraverso alcune situazioni tipiche per capire quali sono le norme che regolano la materia di ascensore condominiale in termini di responsabilità, danni e richieste di risarcimento. Una delle situazioni più diffuse riguarda il blocco dell’ascensore. Infatti, visto che il condominio ha una responsabilità oggettiva per tutte le cose sottoposte alla sua custodia, anche nel caso in cui l’ascensore si blocchi il condominio è perciò ritenuto responsabile. Il malcapitato condomino rimasto bloccato in ascensore, potrà richiedere un risarcimento danni solo se riesce a dimostrare i danni subiti concretamente. Di [...] Leggi Tutto...

Sicurezza e manutenzione: l’amministratore di condominio è responsabile degli infortuni degli operai?

Analizziamo le responsabilità dell’amministratore durante i lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria del condominio. In alcuni casi specifici il condominio può essere considerato un vero e proprio luogo di lavoro in cui l’amministratore ricopre diversi livelli di responsabilità a seconda della situazione. Per garantire la sicurezza del condominio come luogo di lavoro o zona di accesso alle parti comuni, è obbligatorio che vengano rispettate le disposizioni in tema di salute e sicurezza definite dal D.lgs. 81/08. Difatti, nel caso in cui all’interno del condominio vi siano figure che lavorino come dipendenti del condominio, ad esempio l’addetto alla portineria, il giardiniere, l’addetto alle pulizie etc., l’amministratore ricopre le vesti di datore di lavoro e, in quanto tale, ha l’obbligo di rispettare le norme relative alla prevenzione e protezione, ovvero la nomina di un medico competente e di un Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e la redazione del Documento di Valutazione dei Rischi. Nel caso in cui, invece, l’amministratore di condominio affidi le opere di [...] Leggi Tutto...

Prevenzione incendi: disponibile il Nuovo Corso di Aggiornamento Italia Didacta

Nuovo corso di aggiornamento di Italia Didacta per gli Amministratori di Condominio sulle norme per la prevenzione incendi negli edifici per le abitazioni. Il corso è tenuto dall’Ing. Cacucciolo Giuseppe. Uno degli argomenti trattati frequentemente è quello inerente alla prevenzione incendi all’interno degli edifici e, quindi, agli interventi antincendio necessari da adottare nei condomini. A questo proposito il Decreto Ministeriale del 25/01/2019 entrato in vigore il 6 Maggio 2019 definisce i requisiti di sicurezza antincendio per le facciate negli edifici di civile abitazioni e stipula le tempistiche di adeguamento alle norme indicate nel decreto. Per le costruzioni esistenti prima del 6 Maggio 2019, le scadenze di adeguamento alla normativa sono: il 6 Maggio 2020 e il 6 Maggio 2021; quest’ultima per quanto concerne l’installazione di impianti di segnalazione manuale di allarme incendio e di allarme vocale per scopi di emergenza. Per gli stabili di civile abitazione già esistenti prima del suddetto decreto soggetti al D.P.R. 1 Agosto 2011 n. 151 vi è l’obbligo del “certificato […]

Leggi Tutto...

Nuovo corso di Italia Didacta sugli impianti elettrici condominali

Italia Didacta presenta un nuovo corso di aggiornamento per gli Amministratori di Condominio dedicato al tema degli impianti elettrici condominiali. A condurre il corso l’Ing. Cacucciolo Giuseppe. Tra le varie responsabilità dell’Amministratore di Condominio una è quella relativa alla messa a norma degli impianti elettrici condominiali. Purtroppo spesso risulta dai vari controlli che gli impianti elettrici di condominio non sono a norma e ciò comporta chiaramente gravi carenze funzionali e di sicurezza. Il decreto ministeriale n. 37 del 2008 specifica che la realizzazione e l’istallazione degli impianti da esso regolati deve avvenire in conformità alla normativa vigente. Quindi, s’intendono realizzati secondo la regola dell’arte quegli impianti che rispettano le norme legislative in vigore, quelle stabilite dall’UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione), dal CEI (Comitato elettrotecnico italiano) o da altri enti tecnici appartenenti a Stati membri dell’Unione europea. In relazione a questa tematica è molto importante che vengano forniti all’Amministratore di Condominio tutti gli strumenti necessari per poter fronteggiare eventuali problematiche; proprio in quest’ottica il nuovo […]

Leggi Tutto...

Amministratore di condominio datore di lavoro: obblighi in materia di sicurezza

Generalmente i condomìni si affidano ad addetti professionisti esterni per l’espletamento di servizi, quali, ad esempio, la pulizia dei luoghi comuni, la potatura delle aiuole, la manutenzione tecnica e portineria. In caso di assunzione di tali figure specializzate, il condominio assume l’organizzazione di un’azienda con a carico dei dipendenti, verso i quali l’amministratore di condominio ricopre il ruolo di un vero e proprio datore di lavoro. Pertanto quest’ultimo ha l’obbligo di verificare che vengano rispettate tutte le normative di sicurezza, previste nel “Testo Unico sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di lavoro”  (D. Lgs. N. 81/2008). Quando l’amministratore di condominio assume il ruolo di datore di lavoro? L’art. 2, comma 1, D.Lgs. n. 81/2008 alla lettera b stabilisce che per datore di lavoro s’intende il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita […]

Leggi Tutto...