Formazione | ITALIA DIDACTA - formazione e aggiornamento per i professionisti | Page 4

Formazione

GDPR e condominio, obblighi e regole per gli amministratori

Il nuovo GDPR, entrato in vigore a maggio di quest’anno, ha modificato alcune regole in materia di trattamento dei dati personali. Per quanto riguarda la gestione di un condominio le operazioni di “trattamento” dei dati personali si realizzano con: l’elaborazione dell’elenco condomini, la predisposizione della tabella millesimale, la redazione del verbale dell’assemblea contenente i nomi dei condomini presenti personalmente o per delega. Queste operazioni sono da ritenersi lecite e legittime perché riferite a informazioni pertinenti e non eccedenti le finalità da perseguire con il trattamento stesso. I divieti scattano invece nel momento in cui vengono riportati nell’elenco dei condomini in formato cartaceo o elettronico, accanto ai nomi dei condomini (o dei conduttori) annotazioni personali. Il condominio è obbligato inoltre alla tenuta del registro delle attività di trattamento quando tratta categorie ‘particolari’. Tra queste si considerano tali quelle inerenti dati sanitari di chi abbia subito un danno all’interno del condominio o chi richieda una convocazione assembleare relativa al superamento delle barriere architettoniche nell’edificio di residenza. Il […]

Leggi Tutto...

Revisore, una nuova qualifica professionale per lavorare subito in ambito condominiale

Per tutelare i condomini sia in termini di trasparenza e correttezza dei bilanci, sia in termini di maggiore coinvolgimento nella verifica dei conti condominiali il legislatore ha introdotto una nuova qualifica professionale che si affianca o si integra con quella dell’amministratore di condominio: il Revisore condominiale. Con la legge di riforma del condominio il legislatore ha attribuito all’assemblea dei condomini la facoltà di nominarlo per l’annualità corrente o anche per più annualità. La nuova figura è prevista dall’art. 1130-bis c.c., introdotto dalla legge n. 220/2012 per disciplinare in maniera specifica e chiara la contabilità condominiale colmando una lacuna legislativa in materia. Non si tratta di una novità assoluta, dal momento che anche prima della riforma, pur in assenza di norme specifiche, era comunque possibile nominare un revisore. Il legislatore inoltre non ha imposto alcun obbligo: la nomina del revisore rimane una mera facoltà che, peraltro, l’assemblea può esercitare in maniera piuttosto discrezionale. Infatti, la nomina non deve necessariamente presupporre il dubbio di qualche irregolarità contabile: […]

Leggi Tutto...