Assicurazione condominiale: come funziona?

È obbligatorio che il condominio sottoscriva una polizza assicurativa? In un condominio senza assicurazione, chi paga gli eventuali danni?

Non è raro che all’interno di un condominio possano avvenire alcuni incidenti, dagli infortuni sulle scale, nell’androne o nel cortile condominiale, ai danni che possono esser causati da un ascensore malfunzionante, o ancora ai danni che possono subire le abitazioni private a causa di guasti nei vari impianti. Naturalmente, nel caso in cui si subisca un danno, la prima cosa che ci si chiede è se si può chiedere un risarcimento e, quindi, se il condominio è coperto da polizza assicurativa.

Ma è obbligatorio che un condominio stipuli una polizza assicurativa in vista di possibili danni?

A livello normativo, non vi è alcun obbligo in tal senso, difatti, stipulare o meno un’assicurazione è una scelta libera del condominio. Indubbiamente, si tratta di una forma di tutela offerta ai condomini, la quale garantisce una maggior sicurezza da un punto di vista patrimoniale.

Proprio per i suddetti motivi, solo l’assemblea condominiale ha il potere di autorizzare la stipula di una polizza assicurativa, mentre l’amministratore non potrà far altro che rispettare la scelta dell’assemblea, in quanto non possiede nessun tipo di potere in tal senso.

Come chiarito a livello giurisprudenziale dal Tribunale di Torino (sezione IV, 31 maggio 2018, n.2610):

L’amministratore di condominio non ha legittimazione a contrarre in nome e per conto dello stabile e stipulare un contratto di assicurazione per lo stesso, a meno che non sia stato espressamente autorizzato dall’assemblea. Il contratto eventualmente sottoscritto senza autorizzazione assembleare è privo di effetti nei confronti del condominio.

A tal proposito, l’assemblea dovrà deliberare l’autorizzazione alla stipula di una polizza assicurativa, sia in prima che in seconda convocazione, con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea, i quali dovranno rappresentare almeno la metà dell’edificio.

In un condominio coperto da assicurazione, nel caso di danni o incidenti, il condomino danneggiato dovrà avvisare l’amministratore di condominio mettendolo al corrente dell’accaduto, il quale, a sua volta, avviserà la compagnia assicurativa che risarcirà il danno.

Difatti, gli eventuali danni o incidenti ricadono solo sulla compagnia assicurativa e non sui condòmini, i quali sono però tenuti a pagare, a seconda dei millesimi di proprietà, la propria quota per mantenere l’assicurazione.

Ma cosa succede se un condominio non è coperto da assicurazione? Chi paga i danni?

In tal caso la situazione cambia. In un condominio senza assicurazione, in linea generale, il risarcimento del danno procurato a un terzo o ad uno dei condomini, ricade sull’intero condominio e viene ripartito tra tutti i condomini secondo i rispettivi millesimi, in quanto, tutti i singoli condomini hanno il dovere di vigilare e mantenere in buono stato le cose e le parti comuni, così come stabilito dall’art. 2051 del codice civile.

Ad esempio, in caso di danni procurati da infiltrazioni d’acqua, se causati da un guasto derivante da una proprietà esclusiva, sarà il proprietario della stessa a dover risarcire, mentre, se la perdita d’acqua deriva da un problema derivante dalle tubature condominiali, la responsabilità ricade sull’intero condominio.

Inoltre, una volta stabilita la responsabilità condominiale, nel caso in cui il condominio non dovesse risarcire gli eventuali danni, il proprietario danneggiato potrà agire legalmente per ottenere una sentenza che condanni il condominio. L’eventuale sentenza di condanna, andrà notificata all’amministratore.

Esiste, comunque, un limite alla responsabilità rappresentato dal caso fortuito. Con caso fortuito si intende un fatto imprevedibile legato, ad esempio, a cause naturali o eventi atmosferici eccezionali (terremoti, fulmini, trombe d’aria etc.) In tal caso, se viene appurato che l’evento atmosferico verificatosi è di tipo straordinario, il condominio non è tenuto al risarcimento per i danni arrecati a terzi.

Vorresti approfondire l’argomento? Non perderti il nostro Corso di Aggiornamento “L’assicurazione e l’amministratore condominiale“. Per tutti i dettagli clicca sul seguente link: https://www.italiadidacta.com/corso/lassicurazione-e-lamministratore-condominiale-2-crediti/